ROMA-SAMPDORIA. Il “Pagellario” di Franco Bovaio

Il gol di Shomurodov (6,5) ci aveva illuso che, a una quindicina di minuti dalla fine, la vittoria sarebbe arrivata. Invece, dopo soli otto minuti la Samp ha pareggiato e i sogni di gloria sono stati riposti un’altra volta nel cassetto. Perché dopo la bella vittoria di Bergamo ce ne voleva un’altra per dare continuità e far crescere l’autostima. Ma quest’anno sarà così: un passo avanti e uno indietro. Come è normale che sia per una squadra che sta in fase di costruzione e che sta aprendo un ciclo.

Contro i doriani il rendimento di tutti è calato di molto rispetto a quello di Bergamo. Tranne quello di Smalling (7), che dalle sue parti non ha fatto passare nessuno, come sembrano confermare le statistiche, che parlano di una Sampdoria che ha fatto solo due tiri: il gol e un palo. Dietro, infatti, la Roma ha retto discretamente, tanto che non siamo in grado di giudicare Rui Patricio (sv) e che riteniamo Mancini (6,5) più che sufficiente e Ibanez appena sufficiente (6), ma solo perché molto impreciso nei passaggi e spesso scivoloso. Meglio nella tenuta difensiva. Bene anche Karsdorp (6), che come al solito ha spinto molto ma sbagliato alcuni cross che potevano avere sorte migliore. Così così Vina (5,5), che poteva sfruttare meglio gli spazi che ha avuto in alcuni momenti del match. Spompato per quanto ha dato Veretout (6), ordinato Cristante (6), impreciso in rifinitura Mkhitaryan (5,5). Davanti stasera la coppia non ha funzionato. Sia Abraham (5) che Zaniolo (5,5), infatti, per noi sono andati sotto la sufficienza. A testimonianza che quando la Roma trova le squadre che si chiudono a riccio soffre tantissimo. Perché ha giocatori da spazi aperti e praterie. Così anche Afena (5,5), dopo un buon inizio, con tanto di paratona di Falcone che gli ha negato il gol, è stato risucchiato dalla difesa della Samp. Quanto ad El Shaarawy (5) è entrato nell’azione del gol di Shomurodov, ma poi si è visto che ancora non è tornato in forma dopo l’infortunio. Forse lo avremmo risparmiato, ma Mourinho (5,5) ha pensato di metterlo dentro insieme a tanti altri attaccanti e forse anche perché Vina non ce la faceva più. Anche il mister stasera non ci ha convinto con tutte queste sostituzioni, che sono sembrate poco ragionate.

Buon Natale a tutti e buon anno.