DI FRANCESCO “Il derby vale doppio ma dobbiamo dare equilibrio nell’atteggiamento e nel lavorare di squadra”

Poco fa ha parlato il tecnico giallorosso Eusebio Di Francesco in vista del prossimo impegno della Roma in Champions League contro il Viktoria Plzn. Queste le sue parole in stampa:

L’equilibrio è la sua parola d’ordine: come sta gestendo l’entusiasmo post vittoria? 
Ho ribadito solo un concetto: ho parlato solo di equilibrio nel saper lavorare e dare continuità quello che stiamo facendo. Il derby vale doppio ma dobbiamo dare equilibrio nell’atteggiamento e nel lavorare di squadra.

De e sono acciaccati… Cambierà modulo?
Ho lavorato sia nel 43-3 che nel 42-31, possiamo alternare i due sistemi. Anche nel derby ci siamo messi col 43-3 per poi finire col 53-2.

LIVE: la conferenza stampa di @MisterDiFra e @Florenzi

LIVE: la stampa di Di Francesco e FlorenziLIVE: Press conference ahead of Roma v Viktoria

Pubblicato da AS Roma su Lunedì 1 ottobre 2018

ha voluto giocare col dito fratturato, è un fatto simbolico…
Questa c’è, ma bisogna essere bravi far uscire le cose giuste. E’ stato un grande ma ci tiene anche ad esserci domani, ma è in dubbio, valuteremo insieme quale sarà la mia scelta sul farlo giocare o meno.

Kluivert è pronto per giocare dal primo minuto? 
Potrebbe giocare anche dal primo minuto.

Che momento è per Dzeko? Deve fare qualcosa di più? 
deve ritrovare solo il gol, nel derby mi è piaciuto al di là di quei dieci minuti dove ha sofferto alcune situazioni. E’ stato bravo nel primo gol, è uno di quegli attaccanti che va coccolato. E’ troppo importante per noi, ritroverà la via del che gli restituirà la serenità di affrontare le partite.

Questa mancanza di di può dipendere da un aspetto tattico?
Cerchiamo sempre il pelo nell’uovo.. Che dovevo farlo partire un po’ più dietro? Che dovevo fare? ha avuto delle opportunità per fare gol, nel derby non ne ha avute molte, lui ci ha abituato grandi magari un po’ meno quelli semplici. Lui Sono sempre contento quando si vince e segnano gli attaccanti, anche sotto l’aspetto psicologico. livello tecnico tattico che dirti? Gli ho avvicinato un giocatore, anno scorso ci lamentavamo… dipende da molti fattori ma il ripulisce alcune situazioni tecnico tattiche che lasciano il tempo che trovano.

Interviene “Interviene su 2 dei 3 nel derby…”. Il : “E poi te n’ha data una te, quando ti sei addormentato…“. Il terzino ride: “E’ vero, sennò erano tre gol…”

Nel 42-31 come cambia il sistema con Pellegrini o Pastore?
C’è anche Zaniolo, poi c’è anche che sta crescendo negli allenamenti. Dipende dalle caratteristiche dei giocatori che metti, è unico, insieme Coric, nell’interpretare questo ruolo. Perché ha la giocata che non ti aspetti, gli altri hanno più capacità di inserimento e più continuità. Sono importanti anche i due e l’atteggiamento degli esterni non deve cambiare. E’ un insieme di cose dove devono tutti essere bravi muoversi insieme, il 43-3 era più definito nei movimenti.

Ad oggi in che percentuale di forma è Nzonzi? E’ fondamentale per l’equilibrio? 
Sì, torniamo all’equilibrio, Steven è in grande crescita. Era venuto qua senza essersi allenato, alcuni pensano che sia solo la partita farti dare grandi prestazioni. L’esempio è Santon che non ha giocato un minuto e poi ha fatto due grandi prestazioni. Se non si fosse allenato bene non avrebbe fatto certe prestazioni senza avere crampi. Visto che dicevate che la era sbagliata come abbiamo fatto in sei cambiare così velocemente?

Dopo aver trovare l’equilibrio col 42-31 ti mancheranno alcuni giocatori…
Cambiare tantissimo non mi piace, ma bisogna essere bravi leggere le partite. Si è parlato poco del Viktoria Plzen, è una squadra forte e di struttura. Dobbiamo capire che andiamo ad affrontare una squadra fisica, dobbiamo metterci ad armi pari in questo senso e far valere le doti tecniche. Il modulo potrei anche modificarlo durante la partita.

C’è stato un cambio importante tra i pali. Olsen si sta adattando meglio stando anche più alto? 
E’ un’ottima lettura, viene da un totalmente differente. Il primo pensiero è cercare l’ lungo. Lui sta giocando benissimo con i piedi, o perlomeno cerca di non buttare via i palloni inutilmente. Sta migliorando il suo posizionamento quando la palla è lontana, è successo anche con la Lazio quando mettevamo in fuorigioco Immobile. In questo lui deve ancora lavorare.

non è stato schierato a dal primo minuto. Pellegrini è pronto anche per la Champions? 
E’ sempre un’idea, ha grandi qualità ma deve continuare lavorare con umiltà. E’ un ragazzo che ha 15 minuti in A, ma non è entrato per caso. Non è detto che in queste gare non possa esordire dal primo minuto.

7 thoughts on “DI FRANCESCO “Il derby vale doppio ma dobbiamo dare equilibrio nell’atteggiamento e nel lavorare di squadra”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *