La Roma ha cambiato pelle

IL TEMPO ( Menghi) – La  si è rinnovata con  Nonostante la conferma del tecnico in panchina, la squadra di quest’anno ha una palle diversa rispetto a quella della passata, ha cambiato forma e sta scoprendo nuovi protagonisti.

Il gol era il vecchio problema dei giallorossi, che non segnavano quando non c’era Dzeko ma avevano una di ferro e il paratutto  a fare miracoli: un bel paradosso per un allenatore votato all’attacco.

Adesso è tutto alla rovescia, dietro si balla e anche in una partita dominata come quella contro la Sampdoria  è riuscito a «sporcare» la rete di Olsen, che solamente 3 volte in campionato è riuscito a mantenerla bianca, mentre la giostra offensiva funziona a presdndere da gioca, i marcatori sono saliti a 14 con le new entry e Schick e la dipendenza dal bomber titolare, fermo a 2 gol in Serie A, non esiste più.

Ma soprattutto la  quando vince lo fa spesso in goleada, dal al al 41 alla Samp, passando inevitabilmente per il 31 nel derby con la Lazio, e facendo una deviazione obbligata in Champions, dove ha steso il Cska con 5 gol tra andata e ritorno e altri 5 li ha fatti in una gara sola al Plzen.

Tra coppa e giallorossi hanno viaggiato con una media di 2,7 gol a partita da quando c’è stata la svolta, 10 partite fa, del cambio modulo: la del 42-31 è da over 2,5 La modifica tattica ha prodotto risultati impossibili da ignorare, 7 vittorie, 2 pareggi e 1 sconfitta, ma non si è ancora arrivati al livello di maturazione ideale e molti giocatori hanno iniziato a mandare solo adesso i primi segnali positivi, come Schick col suo gol dell’auspicabile liberazione, Cristante e la rete “rubata” da Jesus, Kluiverte una prestazione che ai voti vale quanto la doppietta di El Shaarawy, a cui spera di togliere il posto.

“Sono felice – ha detto a margine della premiazione per la Panchina d’Oro a Coverciano – della crescita della squadra, ma non dobbiamo smettere di migliorarci. I si stanno adattando a questa piazza e al modo di giocare, Cristante è cresciuto nelle ultime due gare, deve riabituarsi a fare il mediano, Schick non si deve fermare ora che è ripartito”.

La lo costringe a cercare continuità con la nazionale, il ceco è partito assieme altri 10 compagni lasciando Trigoria semideserta. Ieri, nel giorno libero (oggi pomeriggio la ripresa), c’erano al lavoro gli De Rossi, Karsdorp, Perotti, Luca Pastore, che sui social ha fatto una promessa ai tifosi: “Sto cercando di rientrare il prima possibile per portare la dove merita” E un momento difficile per lui, dopo la di ha sentito un nuovo fastidio al polpaccio.

 aspetta il riscatto del Flaco in campo e intanto si coccola è arrivato tra mile dubbi e in due mesi li ha spazzati via: Olsen, autore di un’altra parata strepitosa contro la Samp, sembra già degno di essere I’erede di quell’ che a  è diventato “Alissius” perché con qualche errore di troppo sta rievocando l’incubo Karius.

Quant’è strano il calcio. La intanto attende con un pizzico di apprensione il perché le telecamere hanno inquadrato mentre proferiva espressioni apparentemente blasfeme e col precedente di Mandragora squalificato per un turno con la prova tv lecito chiedersi stavolta come finirà. Ma, da quanto trapelato in serata, il serbo non dovrebbe essere sanzionato.

 

 

7 thoughts on “La Roma ha cambiato pelle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.